Tutti in bici con la FIDAS Caltanissetta!!

Le due ruote sono state protagoniste, per un sabato pomeriggio, di una speciale e festosa carovana, che ha invaso con grande entusiasmo le vie della città.

La Fidas Caltanissetta, anche quest’anno, ha organizzato la tradizionale passeggiata in bici, allo scopo di sensibilizzare la cittadinanza alla donazione del sangue e, allo stesso tempo, di creare un momento di aggregazione e divertimento.

Quest’anno, inoltre, la manifestazione si è arricchita della preziosa e massiccia presenza delle vespe storiche del “Vespa Club” di Caltanissetta, rendendo il corteo ancor più affascinante.

 

Il tutto ha avuto inizio alle ore 16 davanti la sede della Fidas Caltanissetta, in viale della Regione, con il raduno delle biciclette e delle vespe storiche partecipanti alla passeggiata.

Compiuta la fase di iscrizione (aperta a tutti e completamente gratuita) e consegnate le T-shirt, i partecipanti, un centinaio in tutto e delle più svariate fasce d’età, si sono posizionati in strada pronti a dare il via alla manifestazione.

Lo schieramento regalava un eccezionale colpo d’occhio, contraddistinto dal rosso delle T-shirt della Fidas Caltanissetta e reso ancora più colorato grazie ai palloni gonfiabili distribuiti ai cicloamatori.

 

La carovana, con in testa le bici subito seguite dalle rombanti vespe storiche, ha percorso, nell’ordine: viale della Regione, viale Trieste, via Piave, via Rosso di San Secondo, via Calabria, via Catania, via Leone XIII, via Luisa Moncada, via Filippo Turati, via Guastaferro e via Malta per tornare nuovamente in viale della Regione alla sede della Fidas Caltanissetta.

Il messaggio della manifestazione era tutto sintetizzato sul retro delle T-shirt indossate dai partecipanti, le quali riportavano la scritta “dona sangue, dona vita”.

 

A Caltanissetta, purtroppo, non si raggiunge il fabbisogno di sangue, e la situazione diventa ancor più critica nei mesi estivi, quando centinaia di talassemici nisseni sono costretti ad allungare il periodo tra una trasfusione e un’altra con conseguenze sulla loro salute. Per raggiungere l’autosufficienza, basterebbe che ciascun donatore della Fidas portasse in associazione un’altra persona: in questo modo si raddoppierebbe il numero di donatori consentendo di raggiungere il fabbisogno richiesto dall’ospedale di Caltanissetta.

 

Durante la passeggiata si è avuto modo di entrare in contatto diretto con tanta gente, la quale con entusiasmo salutava il passaggio del corteo, e si auspica che si siano smosse almeno un po’ le coscienze dei concittadini, poiché è fondamentale rimuovere quell’indifferenza generale che Caltanissetta purtroppo possiede nei confronti del tema della donazione del sangue.

 

Salvatore Abate

 


Condividi | |

I commenti sono disabilitati.